MITO2000

Nella stagione di nidificazione dell’anno 2000 ha preso l’avvio, inizialmente con il sostegno finanziario del Ministero dell’Ambiente, il programma di monitoraggio dell’avifauna nidificante denominato MITO2000 (Monitoraggio ITaliano Ornitologico).

Lo scopo di MITO2000 è quello di ottenere informazioni sugli andamenti di popolazione delle specie comuni di Uccelli che nidificano in Italia. Il progetto si inserisce nel più vasto programma Pan European Common Bird Monitoring Scheme avviato dallo European Bird Census Council (EBCC) su scala continentale con lo scopo di utilizzare i cambiamenti delle popolazioni di Uccelli comuni in Europa quali indicatori dello stato di conservazione della natura.

Il programma di monitoraggio utilizza metodiche dirette principalmente al conteggio delle specie definite “comuni”, intendendo con questo in primo luogo i Passeriformi e gli ordini ecologicamente affini (Columbiformi, Cuculiformi, Apodiformi, Coraciformi e Piciformi).

La metodologia di raccolta dei dati prevede l’esecuzione ogni anno di circa 15 punti d’ascolto, di 10 minuti di durata, in circa 400 particelle UTM 10×10 km, distribuite in modo uniforme in tutta Italia. La realizzazione dei rilevamenti avviene grazie allo sforzo organizzativo di coordinamenti locali.

La ripetizione dei rilevamenti nelle medesime aree permette di valutare gli andamenti di popolazione delle specie. La definizione di un opportuno insieme di specie, tra tutte quelle censite nell’ambito del progetto, costituito da quelle legate a una determinata tipologia di ambiente (forestale, agricolo), è utile per la formulazione di un indice che rispecchi correttamente l’andamento della biodiversità nei sistemi studiati. A tale proposito, come già effettuato dall’EBCC a livello pan-europeo, le specie comuni italiane sono state suddivise in una delle seguenti tre categorie: uccelli dei sistemi agricoli, uccelli forestali, altri. Sulla base degli andamenti delle specie incluse nelle categorie, sono stati definiti gli indicatori Farmland Bird Index (FBI) e Woodland Bird Index (WBI) e indice delle specie agricole delle praterie montane (FBIpm).

grafico_indici_2013

Andamento degli indicatori Farmland Bird Index (FBI), Woodland Bird Index (WBI) e indice delle specie agricole delle praterie montane (FBIpm) – dati del progetto Mito 2000.

Dal 2009, grazie al contributo finanziario del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e di altri Enti, è stato possibile non solo dare continuità a quanto effettuato dal Progetto dall’anno del suo inizio, ma anche incrementare lo sforzo di campionamento. Il progetto vede attualmente coinvolti 22 coordinamenti provinciali/regionali, per un totale di quasi 200 rilevatori in tutta Italia.

Maggiori informazioni sul progetto sono reperibili sul sito web del progetto.

I risultati del progetto Pan European Common Bird Monitoring Scheme sono presentati annualmente sul sito dell’European Bird Census Council.

Informazioni sugli indicatori FBI e WBI sia nazionali che regionali sono reperibili sul sito web della Rete Rurale Nazionale.