Inanellamento in Dogana: arrivano i migratori transahariani

Dopo un inizio di stagione con poche catture, caratterizzato dal protrarsi di una perturbazione che ha probabilmente condizionato la migrazione degli uccelli di ritorno dai siti di svernamento in Africa sub-sahariana, gli inanellamenti sono aumentati fino a raggiungere i 50 individui marcati il 26 di aprile.
Nei primi 12 giorni di attività (16 – 27 aprile), in cui le reti sono state in diverse circostanze chiuse per pioggia, sono stati inanellati complessivamente 178 individui ed effettuate 32 autoricatture (cioè catture di individui già inanellati nella stessa stazione).
Per quanto non si tratti di numeri elevati in senso assoluto, il risultato è interessante date le caratteristiche dell’area in cui si trova la stazione di inanellamento.
Maschio di Sterpazzola
Interessante è stata anche, come sempre, la composizione delle catture. Le specie catturate nel primo periodo sono state 25, di cui due di non Passeriformi (Picchio verde e Martin pescatore), quattro di residenti (Codibugnolo, Cinciallegra, Ghiandaia, Cornacchia grigia), sette di migratori a corto e medio raggio (Scricciolo, Pettirosso, Merlo, Tordo bottaccio, Capinera, Storno, Fringuello) e 12 di migratori transahariani (Rondine, Pettazzurro, Codirosso comune, Stiaccino, Culbianco, Forapaglie macchiettato, Bigiarella, Sterpazzola, Luì grosso, Pigliamosche, Balia nera, Averla piccola).
La specie maggiormente catturata è stata la Sterpazzola, con oltre 50 individui. Si tratta, per questa specie, di numeri inusualmente elevati. Seguono per numero di catture la Capinera, con 33 individui, e lo Stiaccino con 22 individui. Per ora invece è stata catturata una sola Averla piccola, specie che solitamente arriva nell’area in cui è localizzata la stazione intorno alla fine di aprile.
Maschio di Averla piccola
Per visualizzare le statistiche di cattura aggiornate, è possibile visitare il sito internet di Inanellamento Italia, alla pagina http://www.inanellamentoitalia.it/stazioni_stat.asp?id=108
Alcune foto delle specie catturate sono invece visibili sulla pagina Facebook di FaunaViva (http://www.facebook.com/pages/FaunaViva/393793897314992)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: